HOME
CHI SIAMO
DOVE SIAMO
SERVIZI
benvenuti nel sito della fillea cgil di potenza
Federazione Italiana Lavoratori Legno, Edili ed Affini organizza lavoratori e lavoratrici dei settori dell'edilizia, legno, materiali da costruzione(cemento, lapidei, laterizi, industria estrattiva) e dei materiali in cemento

ARCO
ISTRUZIONI PER L'USO PER LE AZIENDE E PER I LAVORATORI
La possibilità di creare Fondi di previdenza complementare di origine contrattuale è prevista dalla legge di riforma del sistema pensionistico del 1993.

ARCO è il Fondo di Previdenza Complementare costituito in forma paritetica dalle Organizzazioni Imprenditoriali (Federlegno-Arredo, Unionlegno, Andil e Assobeton) e dalle Organizzazioni Sindacali dei lavoratori del settore (FENEAL UIL, FILCA CISL e FILLEA CGIL), che riguarda i lavoratori delle aziende che applicano i contratti del legno grande e piccola industria e dei manufatti in cemento e laterizi.

Per ogni lavoratore che aderisce ad ARCO, è previsto il versamento di una quota di contribuzione a carico del lavoratore stesso, di una quota a carico dell'azienda e di una quota del TFR del lavoratore in maturazione nel corso dell'anno (per i lavoratori di prima occupazione assunti successivamente al 28 aprile 1993 la quota di TFR è pari al 100%).

Le quote di contribuzione sono identificate nel Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro applicato.

L'ADESIONE

Il materiale ricevuto, fornito in numero pari agli addetti in forza più una copia per l'azienda, deve essere distribuito contestualmente alla consegna della prima busta paga utile a ciascun addetto potenziale aderente al Fondo (operai, impiegati e quadri assunti a tempo indeterminato, in contratto di apprendistato, in contratto di formazione lavoro).

Tale materiale deve essere distribuito agli addetti di nuova assunzione al termine del periodo di prova.

Il lavoratore, che decide volontariamente di aderire ad ARCO, deve compilare la scheda con esclusione della parte relativa ai dati riguardanti l'impresa; la scheda viene consegnata all'azienda che una volta compilata la parte di propria competenza, ne restituisce una copia timbrata e firmata per ricevuta al lavoratore, ne trattiene una copia e trasmette a mezzo raccomandata l'originale alla sede di ARCO (Foro Buonaparte 65 - 20121 Milano tel. 02/806041).

Unitamente alle domande di adesione deve essere allegata una comunicazione contenente gli estremi del versamento (data, ABI e CAB dell'Istituto ordinante, ammontare complessivo del versamento) della quota di iscrizione di ciascun aderente, di cui al paragrafo sucessivo.

L'azienda provvede ad effettuare la trattenuta una tantum di lire 20.000 dalla prima retribuzione utile, da versare a ARCO quale quota di iscrizione.

Il versamento deve essere effettuato sul c/c n° 5060 presso Istituto Bancario San Paolo di Torino, Filiale 16 n° Via Carducci 4 - 20121 Milano - Abi 1025 Cab 1618.

Si rende noto che le rimesse effettuate a mezzo bonifico presso tutti gli sportelli dell'Istituto Bancario San Paolo di Torino, sia con addebito in conto corrente sia a mezzo versamento in contanti, sono esenti da spese.

LA CONTRIBUZIONE

Le trattenute dalla retribuzione e dalla quota annuale del TFR per quanto dovuto a titolo di contribuzione ad ARCO devono avere inizio solo alla data e con le modalità che verranno comunicate da ARCO all'impresa; l'impresa stessa comunica la data ai lavoratori associati in forza.

ARCO
FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE
Sede:Milano Foro Buonaparte 65

SCHEDA INFORMATIVA
PER I POTENZIALI ADERENTI
A ''ARCO'' FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE
Redatta ai sensi dell'art. 3, comma 2, del Decreto del Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale
n. 211 del 14 gennaio 1997 e del Decreto legislativo 21 aprile 1993 n. 124
(approvata dalla Commissione di Vigilanza con delibera del 15 luglio 1998)

La presente scheda informativa intende fornire in sintesi dati e norme relativi a ARCO.
L'organo di amministrazione di ARCO è responsabile della veridicità e completezza delle informazioni ivi riportate.

L'adesione a ARCO deve essere preceduta dalla consegna e presa visione della scheda medesima.

1. DATI RELATIVI AL FONDO PENSIONE

ARCO è il Fondo Nazionale Pensione complementare costituito in forma di associazione con atto notarile il 31 marzo 1998, in attuazione a:

* CCNL 13.12.1994/30.01.1995 Legno, Sughero, Mobile, Arredamento e Boschivi e Forestali (FEDERLEGNO ARREDO) e dall'accordo di rinnovo della parte economica del CCNL stesso 19.03.1997;

* CCNL 25.01.1995 Legno, Sughero, Mobile, Arredamento e Boschivi e Forestali (UNIONLEGNO) e dell'accordo di rinnovo della parte economica del CCNL stesso 17.04.1997;

* CCNL 17/10/1994 Laterizi e Manufatti in Cemento e dall'accordo di rinnovo parti economiche del CCNL stesso 12/03/1997;

* Il protocollo istitutivo del 7 novembre 1997 tra Federlegno-Arredo, Unionlegno, Feneal Uil, Filca Cisl, Fillea Cgil;

* Il protocollo del 2 dicembre 1997 tra Andil, Assobeton, Feneal Uil, Filca Cisl, Fillea Cgil;

* La modifica del Protocollo del 7 novembre 1997 firmata il 26 febbraio 1998 tra Federlegno-Arredo, Unionlegno, Feneal Uil, Filca Cisl, Fillea Cgil;

* La modifica del Protocollo del 7 novembre 1997 firmata il 25 marzo 1998 tra Federlegno-Arredo, Unionlegno, Feneal Uil, Filca Cisl, Fillea Cgil;

in conformità al D.lgs. 21 aprile 1993 n.124, di seguito denominato Decreto, ed alla legge 8 agosto 1995 n. 335.

ARCO ha lo scopo esclusivo di fornire agli associati prestazioni pensionistiche complementari rispetto a quelle garantite dall'assicurazione generale obbligatoria. Pertanto opera senza scopo di lucro ed è soggetto a preventiva autorizzazione della Commissione di Vigilanza sui fondi pensione per l'esercizio dell'attività.

Durata - La durata è stabilita dallo Statuto a tempo indeterminato.

Destinatari - Gli accordi e lo Statuto prevedono la possibilità di adesione volontaria per i lavoratori operai, impiegati e quadri assunti a tempo indeterminato, in contratto di apprendistato e in contratto di formazione e lavoro, che abbiano superato il periodo di prova, ai quali si applicano i contratti collettivi nazionali del settore del legno, del sughero, del mobile e dell'arredamento, boschivi e forestali, dei laterizi e manufatti in cemento; è prevista altresì l'adesione volontaria per i lavoratori dei settori affini (Cemento calce e gesso imprese industriali - Lapidei ed inerti imprese industriali ed artigiane - Legno, mobile ed arredamento imprese artigiane Laterizi e manufatti in cemento imprese artigiane - Maniglie ed accessori per mobili imprese industriali ed artigiane) e dei lavoratori dipendenti, assunti a tempo indeterminato, delle organizzazioni sindacali e delle organizzazioni datoriali firmatarie i contratti collettivi nazionali delle citate categorie, alle condizioni ivi specificate.

Organi sociali - Sono Organi di ARCO: l'Assemblea dei soci delegati, il Consiglio di Amministrazione, il Presidente e il Vice Presidente e il Collegio dei Revisori Contabili.

L'Assemblea è costituita da 60 componenti, eletti in rappresentanza degli associati. L'elezione dei componenti avviene mediante presentazione di liste da parte delle Organizzazioni Sindacali firmatarie del Protocollo Istitutivo, raccogliendo almeno il 15% delle firme dei Delegati alla Convenzione ripartiti in almento 6 regioni, ovvero dalla medesime Organizzazioni Sindacali, raccogliendo almeno il 5% delle firme dei soci aventi diritto ripartite nella stessa proporzione in almeno sei regioni, ovvero da altri soggetti, raccogliendo almeno il 15% delle firme dei Delegati alla Convenzione ripartiti in almento 6 regioni, ovvero da altri soggetti raccogliendo almeno il 5% delle firme dei soci aventi diritto ripartite nella stessa proporzione in almeno sei regioni.

Le elezioni per la prima Assemblea di ARCO si svolgeranno al raggiungimento di 20.000 adesioni.

Il Consiglio di Amministrazione è composto da un minimo di 12 a un massimo di 16 membri, metà eletti dall'Assemblea in rappresentanza dei lavoratori e per l'altra metà designati direttamente dalle Organizzazioni datoriali in rappresentanza delle imprese.

Il Presidente è eletto dal Consiglio di amministrazione fra i propri membri.

ll Collegio dei Revisori Contabili è composto da 4 membri effettivi, di cui 2 eletti dall'Assemblea in rappresentanza dei lavoratori e 2 designati direttamente dalle Organizzazioni datoriali in rappresentanza delle imprese.

2. REGIME E TIPOLOGIA DELLE PRESTAZIONI E CONDIZIONI DI ACCESSO

Prestazioni e beneficiari - ARCO è un fondo pensione a contribuzione definita. L'ammontare della prestazione pensionistica è commisurato ai contributi versati ed ai rendimenti conseguiti nella gestione del patrimonio registrati in conti individuali.

Al verificarsi delle condizioni previste dallo Statuto l'iscritto ha diritto a richiedere l'erogazione delle prestazioni pensionistiche complementari e mantiene la condizione di associato.

Il diritto alla pensione complementare per vecchiaia sorge al compimento dell'età pensionabile stabilita nel regime obbligatorio, avendo maturato almeno dieci anni di partecipazione a ARCO.

Il diritto alla pensione complementare per anzianità sorge solo in caso di cessazione dell'attività lavorativa comportante la partecipazione a ARCO, avendo un'età di non più di dieci anni inferiore a quella prevista per il collocamento in quiescenza per vecchiaia nel regime obbligatorio e con almeno quindici anni di iscrizione a ARCO.

In caso di decesso del lavoratore associato, l'importo del conto individuale viene liquidato da ARCO a titolo di riscatto agli aventi diritto ai sensi delle vigenti disposizioni di legge.

Il Fondo eroga le prestazioni pensionistiche di vecchiaia e di anzianità sotto forma di rendita attraverso apposite convenzioni con una o più imprese assicuratrici, che prevederanno clausole di reversibilità a favore degli aventi diritto scelti dal lavoratore.

All'atto della presentazione della domanda di pensione complementare, il lavoratore può richiedere la liquidazione in capitale fino al 50% dell'importo maturato a proprio favore.

Non sono previste prestazioni pensionistiche di rendita in caso di invalidità .

Anticipazioni - Il lavoratore per il quale siano accumulati nel Fondo ARCO da almeno 8 anni contributi a titolo di TFR, può richiedere una anticipazione per spese sanitarie e per terapie ed interventi straordinari riconosciuti dalle competenti strutture pubbliche o per l'acquisto della prima casa per sè e per i figli, previa presentazione del preliminare di vendita, integrato successivamente dall'atto notarile. Tale anticipazione non potrà superare l'ammontare della posizione individuale derivante dalle quote di trattamento di fine rapporto versate a ARCO.

Il Consiglio di Amministrazione determina l'ammontare percentuale massimo nell'anno delle anticipazioni complessivamente erogabili in relazione all'esigenza di preservare l'equilibrio e la stabilità del Fondo.

3. AMMONTARE DELLE CONTRIBUZIONI

Ai sensi dell'accordo istitutivo del 7 novembre 1997 e degli accordi da esso richiamati, la contribuzione iniziale da versare a ARCO è così ripartita:

Þ 1% riferito alla retribuzione utile minimo tabellare, contingenza, edr e indennità funzione quadri, a carico delle imprese;

Þ 1% riferito alla retribuzione utile minimo tabellare, contingenza, edr e indennità funzione quadri, a carico dei lavoratori;

Þ 100% dell'accantonamento TFR maturato nell'anno, per i lavoratori di prima occupazione assunti successivamente al 28 aprile 1993.

Þ 18% dell'accantonamento TFR maturato nell'anno, per gli altri lavoratori.

La contribuzione potrà essere modificata in base a variazioni dovute a contrattazioni collettive previste dai CCNL indicati al punto 1 della presente scheda.

Il lavoratore può destinare contributi propri, in aggiunta a quelli previsti, nei limiti della deducibilità fiscale e nei termini e modalità definite dal Consiglio di Amministrazione.

Lo Statuto prevede per il lavoratore in possesso dei requisiti di partecipazione a ARCO da almeno cinque anni la facoltà, esercitabile una sola volta, di sospendere la propria contribuzione, previa comunicazione scritta all'impresa entro il 30 settembre di ciascun anno, con effetto dal 1° gennaio successivo.

4. TRASFERIMENTO E RISCATTO DELLA POSIZIONE

Il lavoratore che perde i requisiti di partecipazione al Fondo, può:

a) riscattare la posizione individuale, tramite riscossione dell'intero capitale accantonato e dei rendimenti maturati fino al mese precedente il riscatto, ovvero

b) trasferire la posizione individuale, tramite trasferimento dell'intero capitale accantonato e dei relativi rendimenti maturati sino al mese precedente il trasferimento, presso altro fondo pensione di origine negoziale, cui possa accedere in relazione alla nuova attività, o presso altro fondo pensione di origine non contrattuale, ovvero

c) mantenere la posizione individuale, pur in assenza della contribuzione, fatta salva la possibilità di esercitare successivamente una delle due opzioni sopra descritte.

La liquidazione dell'importo di cui al punto a) avviene entro sei mesi dalla richiesta di riscatto.

Il trasferimento dell'importo di cui al punto b) avviene entro sei mesi dall'esercizio dell'opzione.

La domanda per l'esercizio di una delle opzioni di cui al punto a), b) o c) dovrà essere presentata entro 180 giorni dalla data di perdita dei requisiti di partecipazione. Trascorso detto termine massimo, la posizione del lavoratore che non abbia esercitato alcuna opzione verrà mantenuta presso il Fondo, pur in assenza della contribuzione, che, in ogni caso, sarà possibile riattivare all'atto di una nuova assunzione da parte di impresa cui si applicano i CCNL di cui al punto 1 della presente Scheda.

In costanza dei requisiti di partecipazione a ARCO, il lavoratore può richiedere il trasferimento ad altro fondo pensione. Tale trasferimento non potrà aver luogo nei primi cinque anni di vita del Fondo e, successivamente a tale limite, non prima di cinque anni di partecipazione al Fondo.

La domanda di trasferimento andrà presentata entro il 30 settembre di ciascun anno, con effetto dal 1° gennaio successivo.

ARCO è abilitato a ricevere posizioni individuali maturate dagli aderenti presso altri fondi pensione iscritti all'albo di cui all'articolo 4 comma 6 del Decreto.

5. CRITERI GENERALI DI IMPIEGO DELLE RISORSE

Il patrimonio di ARCO viene gestito integralmente mediante convenzione con soggetti gestori abilitati e secondo le modalità e i limiti previsti dalla normativa vigente in materia.

Il Consiglio di Amministrazione per ottimizzare al meglio la redditività del patrimonio nel rispetto delle finalità previdenziali definisce i contenuti della convenzione di gestione e gli obiettivi prioritari da perseguire nella gestione, prevedendo, previa modifica statutaria, anche l'istituzione di più linee di investimento (fondo multicomparto), secondo diversi profili di rischio e rendimento in funzione delle differenti esigenze degli iscritti.

I lavoratori saranno tempestivamente informati su modalità, tempi e costi con cui poter aderire ai diversi comparti non appena il Consiglio di Amministrazione abbia deliberato al proposito.

6. REGIME DELLE SPESE

Dall'ammontare della contribuzione di ciascun associato viene dedotta una quota, finalizzata alla copertura dei costi amministrativi del Fondo. L'ammontare di tale quota è stabilito annualmente in sede di bilancio preventivo.

Il Fondo opererà in modo che le spese totali, fatta eccezzione per gli oneri di gestione del patrimonio e il compenso per la banca depositaria, non superino lo 0,15% della retribuzione composta da minimo tabellare, contingenza, edr e indennità funzione quadri.

Quota di iscrizione - All'atto dell'adesione è previsto il versamento di una quota di iscrizione ''una tantum''di lire 20.000 a carico dell'iscritto. Tale quota è destinata a compensare le spese relative alla costituzione e gestione iniziale di ARCO.

7. RISULTANZE DELL'ULTIMO RENDICONTO DI GESTIONE

Informativa - Annualmente, dopo l'approvazione del bilancio da parte dell'Assemblea, ARCO invia a ciascun associato un'apposito rendiconto, contenente l'aggiornamento della posizione del conto individuale, dettagliata nella quota di contribuzione a carico del lavoratore, a carico dell'impresa e di TFR, o dell'ammontare delle prestazioni in corso di erogazione, nonchè informazioni relative alla gestione amministrativa e all'andamento finanziario del patrimonio secondo le disposizioni della Commissione di vigilanza sui fondi pensione.

8. ATTIVITA' INIZIALE

Iscrizione - L'iscrizione avviene mediante compilazione della domanda di adesione allegata alla presente Scheda Informativa su ARCO, pagamento della quota ''una tantum'' di cui al precedente punto 6 e consegna al Fondo o tramite i soggetti preposti.

Avvio dell'attività - Il Consiglio di amministrazione provvisorio:

· ha facoltà di disporre l'adeguamento dello Statuto di ARCO sulla base di eventuali osservazioni formulate dalla Commissione di Vigilanza e/o dalle parte istitutive, dandone adeguata comunicazione ai destinatari del Fondo stesso; qualora tale adeguamento comportasse variazioni alla presente scheda informativa il lavoratore ha facoltà di disdire la propria adesione entro 30 giorni dalla relativa comunicazione.

· potrà indire le elezioni della prima Assemblea da parte degli iscritti al raggiungimento di almeno 20.000 adesioni.

Il Consiglio di amministrazione definitivo, non appena insediato, richiederà per ARCO il riconoscimento e l'autorizzazione all'esercizio dell'attività ai sensi dell'art. 4 del Decreto, ottenuti i quali potrà essere avviata l'attività di raccolta delle contribuzioni e l'operatività connessa.

ARCO
FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE
Sede: Milano 20121 Foro Buonaparte 65
DOMANDA DI ADESIONE
(allegata a Scheda Informativa)

IO SOTTOSCRITTO/A, COGNOME__________________________________ NOME_________________
NATO/A A_________________________________________ prov.(___) IL__________________________

RESIDENTE A___________________________________________________prov.(____) cap__________

VIA_______________________________________N°________ TELEFONO________________________

CODICE FISCALE ____________________________ N° MATRICOLA AZIENDALE_________________

QUALIFICA E CATEGORIA_____________________N° POSIZIONE INPS________________________

in qualità di dipendente dell'impresa sotto indicata, che applica il CCNL del settore_________________

con prima occupazione: antecedente successiva al 28/4/1993


N_B_ I seguenti dati sono facoltativi, in quanto informazioni non essenziali per l'esercizio dell'attività

complementare iscrizione al sindacato: si no coniugato/a: si no n° figli a carico_______________

titolo di studio: nessuno scuola dell'obbligo scuola media superiore laurea

DOPO AVER RICEVUTO LA SCHEDA INFORMATIVA SU ARCO
E AVERNE PRESO VISIONE
DICHIARO di:

Þ aderire al Fondo Pensione Complementare per i lavoratori dell'industria del legno, del mobile, dell'ar-

redamento, dei manufatti in cemento e dei laterizi, denominato ARCO;

Þ impegnarmi ad osservare tutte le disposizioni previste dallo Statuto e dalle norme operative interne e

a fornire tutti gli elementi utili per creare e aggiornare la mia posizione individuale;

Þ versare lire 20.000, quale quota di iscrizione una tantum a ARCO;

Þ versare la contribuzione a mio carico come previsto dagli accordi contrattuali.

DELEGO l'azienda a:

a) effettuare la trattenuta una tantum di lire 20.000 dalla prima retribuzione utile, da versare a ARCO quale

mia quota di iscrizione;

b) trattenere dai compensi a me spettanti e dalla quota annuale del mio TFR quanto dovuto a titolo di

contribuzione a ARCO e a provvedere al relativo versamento secondo i termini stabiliti.

Dichiaro sotto la mia responsabilità che tutti i dati sopra riportati corrispondono al vero.

luogo_______________data,_____________Firma_________________________________________

CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI COMUNI E SENSIBILI
Ai sensi della L. 675/1996 sulla tutela del trattamento dei dati personali, presa visione dell'informativa retro-

stampata ai sensi degli art. 10 della predetta legge, rilascio il consenso:

Þ al trattamento dei dati personali comuni e sensibili che mi riguardano, funzionale all'esercizio dell'attività

di ARCO;

Þ alla comunicazione dei dati medesimi alle categorie di soggetti indicate al punto 5, lett. A) della predetta

informativa, i quali li possono sottoporre a trattamenti aventi la finalità di cui al punto 1, lett. A) della mede-

sima informativa e obbligatori per legge;

Þ alla comunicazione dei dati medesimi a terzi per la fornitura a ARCO di servizi informatici o di servizi di

archiviazione;

Þ al trasferimento dei medesimi dati all'estero come indicato al punto 7 della predetta informativa (Paesi

UE e Paesi extra UE)_

Rimane fermo che il mio consenso è condizionato al rispetto delle disposizioni della vigente normativa.

luogo____________________data,__________Firma_____________________________________


DATI RIGUARDANTI L'IMPRESA

RAGIONE SOCIALE DENOMINAZIONE_____________________________________________________

CODICE FISCALE_________________________PARTITA IVA (SE DIFFERENTE) ________________

SEDE LEGALE _______________________________________________prov.(________) cap________

VIA_______________________________________N°________TEL________________ FAX__________

STABILIMENTO (se diverso)___________________________________________ prov.(___) cap________

VIA___________________________________N°________TEL________________FAX_______________

RICEVUTA LA DOMANDA IL__________________ TIMBRO E FIRMA___________________________

DOMANDA COMPILATA IN ORIGINALE PER L'INVIO AD ARCO A CURA DELL'AZIENDA CON COPIA

PER IL LAVORATORE E COPIA PER L'AZIENDA

ARCO
Fondo Nazionale Pensione Conplementare
ALLEGATO ALLA DOMANDA DI ADESIONE
INFORMATIVA RESA ALL'INTERESSATO PER IL TRATTAMENTO AI DATI PERSONALI
Ai sensi dell'art.10 della legge 31 dicembre 1996 n° 675 (in seguito denominata Legge), ed in relazione ai

dati personali che La riguardano e che formeranno oggetto di trattamento, la informiamo di quanto segue.

1. FINALITÀ DEL TRATTAMENTO DATI

il trattamento

a) è diretto all'espletamento da parte di ARCO Fondo Nazionale Pensione Complementare (in seguito

denominato Fondo)delle finalità attinenti esclusivamente all'esercizio dell'attività previdenziale comple-

mentare e di quelle ad essa connessa (ivi compresa quella liquidativa), a cui il Fondo è autorizzato ai

-

sensi delle vigenti disposizioni di legge;

b) può anche essere diretto all'espletamento da parte del Fondo della finalità di informazione e promo-

zione delle prestazioni del Fondo stesso.

2. MODALITÀ DEL TRATTAMENTO DATI

il trattamento

a) è realizzato per mezzo delle operazioni o complessi di operazioni indicate all'art. 1, comma 2, lett.b)

della legge: raccolta, registrazione e organizzazione; elaborazione, compresi modifica, raffronto/inter-

connessione; utilizzo, compresa consultazione, comunicazione, conservazione; cancellazione/distruzione,

sicurezza/protezione, comprese accessibilità/confidenzialità, integrità, tutela;

b) è effettuato anche con l'ausilio di mezzi elettronici o comunque automatizzati;

c) è svolto direttamente dal Fondo e/o da soggetti esterni (quali Compagnie di Assicurazioni, Banche,

SIM, Società di gestione dati etc. etc.)

3. CONFERIMENTO DEI DATI

Ferma l'autonomia personale dell'interessato, il conferimento dei dati personali può essere:

a) obbligatorio in base a legge, regolamento o normativa comunitaria (ad esempio per antiriciclaggio);

b) strettamente necessario all'esecuzione dei rapporti giuridici in essere o all'erogazione delle prestazioni

c) facoltativo ai fini dello svolgimento dell'attività di informazione e di promozione delle prestazioni nei

confronti dell'interessato stesso;

4. RIFIUTO DEL CONFERIMENTO DEI DATI

L'eventuale rifiuto da parte dell'interessato di conferire i dati personali:

a) nei casi di cui al punto 3. lett. a), b) può comportare il non accoglimento della domanda di adesione

per l'impossibilità di garantire le prestazioni di previdenza complementare;

b) nel caso di cui al punto 3. let. c), non comporta alcuna conseguenza sui rapporti giuridici in essere

ovvero in corso di costituzione, ma preclude la possibilità di svolgere attività di informazione e promo-

zione delle prestazioni nei confronti dell'interessato.

5. COMUNICAZIONE DEI DATI

a) I dati personali possono essere comunicati, per le finalità di cui al punto 1: let. a), ai soggetti depu-

tati alla gestione dei contributi previdenziali complementari quali Compagnie Assicurative, SIM, Istituti

Bancari, agli organismi associativi del settore previdenziale, al Ministero del lavoro, alla Commissione

di Vigilanza sui Fondi Pensione. In tal caso, i dati identificativi dei corrispondenti titolari e degli even-

tuali responsabili possono essere acquisiti presso il Registro Pubblico tenuto dal Garante per la tute-

la delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali o presso i suddetti sogget-

ti. Inoltre i dati personali possono essere comunicati a Pubbliche Amministrazioni ai sensi di legge;

b) i dati personali possono essere inoltre comunicati a terzi per la fornitura di servizi informatici e/o di

servizi di archiviazione,

6. DIFFUSIONE DEI DATI

I dati personali non sono soggetti a diffusione.

7. TRASFERIMENTO DEI DATI ALL'ESTERO

I dati personali possono essere trasferiti, sempre per le medesime finalità di cui al punto 1. let. a),

verso Paesi dell'Unione Europea e verso Paesi terzi rispetto all'Unione Europea.

8. DIRITTI DELL'INTERESSATO

L'Art. 13 della Legge conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, tra cui quelli di ottenere

dal titolare o dai responsabili del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di propri

dati personali e la loro messa a disposizione in forma intelligibile; di avere conoscenza dell'origine

dei dati, nonchè della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento; di ottenere la cancellazio-

ne, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione alla legge, nonchè

l'aggiornamento, la ratificazione o, se vi è interesse, l'integrazione dei dati; di opporsi, per motivi le-

gittimi, al trattamento.

9. TITOLARE E RESPONSABILE DEL TRATTAMENTO

Titolare del trattamento è ARCO Fondo Nazionale Pensione Complementare.

I dati identificativi del responsabile del trattamento dati possono essere acquisiti presso la sede

del Fondo Foro Buonaparte 65 Milano.

INDIETRO